Le bandierine le abbiamo preparate ma i paesi occorre anche visitarli.

2016
25.07
iniziamo a lavorare con Save the Children Kosovo

Per dire la verità ho sempre avuto un po’ di paura che mettersi le medaglie PRIMA di aver completato l’opera, porti un bel po’ di sfiga. Poi ho deciso che non credo a queste cose (salvo ricredermi) ma dobbiamo meritarci la decorazione che abbiamo sulle valigie.

Da quando abbiamo potuto permettercelo, abbiamo sempre preferito viaggi lunghi e piuttosto rilassati. In cui ti puoi gestire i tempi e assorbire i ritardi. Questa volta non è così.

Abbiamo due mesi, i chilometri non sono troppi e il percorso si svolge tutto in Europa, ma abbiamo anche sei progetti di cooperazione da visitare. Fare un reportage decente necessita di tre/quattro giorni di lavoro. Perciò cominciamo a fare i conti: Tre giorni per sei progetti fa 18. Questo vuole dire che sui 60 giorni disponibili, almeno 20 sono occupati dalle visite. Ne rimangono solo 40.

Le località dove sono situati non sono state scelte per farci fare un bel viaggio lineare. Ecco dove sono messi: Srebrenica (Bosnia Erzegovina), Pristina (Kosovo), Singureni (50 km da Bucarest, Romania), Chisinau (Moldova), Kiev (Ucraina) per chiudere a Mosca, che tutti sanno dove sta. Non è certo il viaggio avventuroso, ma c’è qualche problemino lungo il percorso.

Problema n° 1: la Serbia non riconosce il Kosovo perciò, per andare da Pristina a Bucarest, invece di fare un bel percorso diretto, che passerebbe dalla Serbia, occorre fare un lungo giro, passando da Macedonia, Bulgaria ed entrare in Romania da sud, attraversando il Danubio. Problema n° 2: qualcuno di voi conosce la Transnistria? A dire la verità, fino a un mese fa non ne sapevo nulla neppure io. Beh. ecco quello che ne so ora: la Transnistria è una sottile striscia di territorio (moldavo) lungo la frontiera con l’Ucraina, che ha dichiarato l’indipendenza. C’è stata la solita guerricciola, ma nessuno ha notizie su come stiano le cose OGGI. E’ certo che Moldova e Transnistria non si amano: potremo passare da una all’altra? Problema n°3: altra crisi, quella,ben più nota, fra Ucraina e Russia. Noi dobbiamo andare da Kiev a Mosca. Ci faranno passare? A scopo prudenziale ci siamo muniti del visto Bielorusso, che ci consentirebbe di mettere, fra le due nazioni in crisi, un passaggio intermedio. Però, passare dalla Bielorussia non cancella i visti sul passaporto…

Chiedo un po’di informazioni ai cooperanti: arriva un po’ di tutto, ma niente di risolutivo. Scopriremo come funziona, solo una volta che saremo la.

Foto Recenti

2015
16.06

7.20150324_2220276.20150324_1829495.DSC_72863.20150324_1217371.20150323_1712532.DSC_727715. cascavel ci accompagnano all'uscita da cascavel11. brasile da foz a cascavel10.cataratas de iguazu6.cataratas de iguazu

[torna su]